Alley - Positive

Alley

Alley - Positive

5.00 €

Compra

Positive EP inquadra esattamente il periodo della Street Art newyorkese di fine anni
'70 e inizio '80. La città americana, in quel periodo, ritornava ad essere un centro
nevralgico attivo e propositivo per tutte le branche dell'arte contemporanea.
L'emancipazione dell'individuo e la possibilità di esibizione ha raggiunto in quel luogo
i suoi massimi storici, grazie ai gruppi Pop e New Wave autoctoni, grazie alla cultura
dei graffiti e gli artisti che essa ha forgiato (Haring, Basquiat, etc.), l'hip hop che
veniva dai bassifondi e che sarebbe diventato più che significativo nel giro di pochi
anni per merito di etichette, artisti, stilisti, radio, virtuosi Djs con fantastiche selezioni
indipendenti miscelate dall'innovativo “scratch” e spericolati break dancers che
danzavano al ritmo delle più ingombranti e assordanti boom boxes per tutta la city.
Un'esplosione di idee innovative più che indispensabile alla svolta che l'arte
necessitava.
La donna, in questa rivoluzione, ha finalmente dimostrato i più importanti esempi di
emancipazione e partecipazione libera alla creazione ed al propagarsi del movimento
in tutto il mondo. Nessuna differenza era posta più tra i sessi in tutte le manifestazioni
di questa grande novità.
I look più sgargianti ed eclettici ponevano ogni individuo a confronto con gli altri
senza badare alla provenienza sociale, anche se è da sottolineare che il grande boato
urbano degli street artists venne proprio dalla strada, dalla povertà e dall'ingegno delle
situazioni di miseria facendosi poi contagio indiscriminante.
Tematica:
“Poisitive EP” di Alley si fa portavoce di una ragazza che pitta i muri, una fotografa assetata
di scoop e novità, una poetessa ed una giacca simboleggiante la moda, il movimento sociale e
anche il mezzo per esprimere i sentimenti più personali in composizioni estroverse e
comunicative.
Stile:
Lo stile parte dalla forte influenza del rock britannico che caratterizza il sound di Alley da
sempre, ma ora ospite di una città ben più grande, dinamica e caotica. Ruba il beat dal funkhip
hop ed utilizza come portanti le sonorità del rock e della new wave con i suoi super
flanger languidi, le drums pesanti ed un uso mai umile del riverbero. Ispirato da Ian Dury,
Blondie e Men at Work di NY ma anche da Bowie, Roxy Music dell'Inghilterra più glam e
catchy. Da ascoltare con un bicchiere di Martini dry in mano ed una boombox sulla spalla.
ALL RIGHTS RESERVED TO ALLEY AND CHIARI DAVIDE (P) & (C)

Stream